Dieci cose da fare a Bangkok

Bangkok è una delle città che ha conquistato il mio cuore.
E’ uno schiaffo. Puzzolente, disordinata e caotica, si discosta molto dalle capitali perfettine ed impettite. Ma questo la rende bellissima.

Con Bangkok ho avuto un rapporto di amore/odio fin da subito. L’ ho odiata per il suo traffico infernale, per lo smog che fa raschiare la gola, per l’umidità e il clima disumano che la caratterizzano. Bastano ventiquattro ore a Bangkok per agognare pace e tranquillità.

 Al tempo stesso però, non c’è stata altra città in grado di stupirmi e lasciarmi a bocca aperta. Del tipo che non appena me ne vado mi manca già. In ogni angolo si respira autenticità, anche nei posti più trash e forzatamente occidentalizzati. Non so se vivrei mai a Bangkok, ma tornerei sicuramente per la terza volta, ed anche per una quarta ed una quinta.

Se non siete mai stati, ecco la mia lista di cose preferite:

 

1. Perdersi per i mercati (galleggianti e non)

Bangkok è un unico, grande mercato. In ogni giorno della settimana, in riva al fiume, in mezzo a vicoli stretti o su barche galleggianti. Bangkok brulica di mercati e di cose interessantissime, coloratissime, puzzolentissime, buonissime o perfettamente inutili da comprare.
Ho adorato Chatuchak, quello che si dice essere uno dei più grandi mercati al mondo. E’ un po’ come l’Harrods asiatico: c’è di tutto ma i costi sono davvero contenuti.
Da non perdere anche l’ emozionante Mercato dei Fiori: orchidee, rose e corone votive a perdita d’ occhio per centinaia di metri.

Mercato di Chatuchak

Mercato di Chatuchak

Saponi di ogni forma e colore

Saponi di ogni forma e colore

Il Mercato dei Fiori

Il Mercato dei Fiori

2. Mangiare del cibo di strada

Questa cosa è direttamente collegata alla prima: in ogni mercato thailandese troverete del cibo di strada che vi farà impazzire. I famosissimi e tanto amati da noi occidentali Pad Thai (dei tagliolini con erba cipollina, arachidi, lime e gamberi) sono solo una delle prelibatezze di cui si compone la cucina thailandese. E girando per Bangkok è praticamente impossibile rimanere a bocca asciutta. Tutto viene preparato al momento con una maestria ed una rapidità da lasciare sbigottiti. Anche la frutta, venduta in grande quantità in ogni angolo della città, è sbucciata, tagliata e preparata appositamente per essere consumata da asporto. Sicuramente la vostra permanenza a Bangkok non sarà mai abbastanza lunga per permettervi di assaggiare ogni cosa su cui poserete lo sguardo.

Mangiare di strada tra i grattacieli

Mangiare di strada tra i grattacieli

Bocconcini di carne pronti da asporto

Frittume vario pronto da asporto

Frutta dolcissima in ogni angolo

Frutta dolcissima in ogni angolo

3. Il Wat Arun

La parte spirituale della cultura thai esplode in tutta la sua bellezza all’ interno dei suoi templi, dove è possibile respirare un’ atmosfera di grande serenità che pervade l’ animo. Tra i tanti templi disseminati per Bangkok, vi consiglio senza esitazione di non perdervi questo. Il Wat Arun è al di là del Chao Phraya e per arrivare fino in cima dovrete salire degli scalini ripidi e poco amici di chi soffre di vertigini. Ma una volta arrivati in alto, lo spettacolo è impagabile. Ai vostri piedi, tutta la città che si affaccia sul fiume.

Il Wat Arun

Il Wat Arun

La vista dalla cima del tempio

4. Salire su un bus al volo

…e scendere dal bus, sempre al volo, cercando di imitare l’ agilità dei thailandesi nel compiere facilmente questa azione. Perchè nonostante ci siano le fermate, ovviamente non ci sono orari prestabiliti in cui potersi aspettare l’arrivo dell’ autobus. E, se siete fortunati e lo vedete arrivare, preparatevi a saltarci sopra mentre il bus rallenta per farvi salire, senza fermare la sua corsa.

 

5. Girovagare per Chinatown

La Chinatown che mi è piaciuta di più in assoluto è stata proprio quella di Bangkok. Soprattutto di sera, quando le sgargianti insegne si accendono e le bancarelle con cibi fumanti iniziano a sfrigolare. Questa parte della città ha un che di terribilmente autentico. Negozi che vendono oro si confondono tra antiche erboristerie che espongono delle strane radici. Una volta qui, fermatevi a mangiare qualcosa. Se non siete così avventurosi da voler provare la zuppa alle pinne di pescecane, optate per un ottimo dessert: il mochi caldo con ripieno di semi di sesamo.

Rimedi naturali e strane confezioni sottovuoto

Rimedi naturali e strane confezioni sottovuoto

Di sera Chinatown si accende

Di sera Chinatown si accende

6. Shopping (per tutti i gusti)

Oltre ai mercati all’ aria aperta a Bangkok si possono trovare centri commerciali ad hoc per ogni cosa: il Pantip Plaza ad esempio, è un colosso a tre piani dedicato solo all’ elettronica. La Siam Square è il fulcro dei più bei mall di tutta la città: i più noti sono il Siam Discovery, il Siam Center, il Siam Paragon e il famosissimo MBK. Tutti questi centri commerciali sono collegati tra loro e con la fermata dello skytrain da un percorso che vi renderà ancora più facile passare dall’ uno all’ altro. Sembra di essere in un unico grande centro commerciale, dove è facile trascorrere delle ore intere. Oltre ai negozi che spaziano dalle grandi firme a quelli di design e arredamento, c’è una vastissima area food court.

Una parentesi va aperta per l’ MBK. Anche se non siete amanti dei centri commerciali, vale comunque la pena di dedicare una mezza giornata in questo mall su tre piani in puro stile asiatico. Più che un centro commerciale infatti, l’ MBK è un mercato al coperto. Scordatevi negozi lussuosi e ordinati: questo posto è un vero e proprio labirinto, pieno di cose colorate e stipate fino all’ inverosimile. E’ difficile lasciare l’ MBK senza aver acquistato niente, perchè è possibile trovare abbigliamento, souvenir, oggetti per la casa e persino piccole componenti di elettronica con un ottimo rapporto qualità/prezzo. E anche l’ MBK ha un food corner di tutto rispetto, che vi consiglio soprattutto se siete vegetariani.

L' MBK

L’ MBK

Vi assicuro che oltre a comprare cose trash, si possono fare dei buoni affari

7. Farsi fare un massaggio

La Thailandia, si sa, è il paradiso delle Spa e dei massaggi. Dopo una giornata passata a camminare tra il caldo umido di Bangkok non c’è niente di meglio del concedersi un bel massaggio ristoratore. E tutta la città pullula di occasioni per farsi coccolare un po’: da zone dei vari mercati che vengono adibite ad “angoli Spa” a negozietti sparsi ovunque. Il massaggio ai piedi è in assoluto il più quotato tra i turisti e con pochi baht è possibile godersi una mezz’ ora di frizionamenti e picchiettamenti misti a riflessologia plantare. Ma il mio consiglio è quello di riservare un momento della giornata a questo rito e magari prenotare in una vera e propria Spa dove potersi concedere qualche ora di trattamenti e relax.

8. Sfrecciare tra il traffico a bordo di un tuk- tuk

Una vera e propria esperienza, senza dubbio. Non potete evitare di salire su un tuk tuk: vi perdereste una parte fondamentale della città. Soprattutto se dovete muovervi in un punto poco servito da metro e skytrain, il tuk tuk è il modo più rapido e divertente per raggiungere la meta. Prima di salire ricordatevi di contrattare sul prezzo della corsa a più non posso (mai salire senza aver prima chiarito quale sia il costo del percorso), di tenervi ben stretti al sedile e di farvi il segno della croce. E via senza indugi!

Diretti a Chinatown...

Direzione Chinatown…

9. Entrare in un supermercato ed… assaggiare!

Eccoci qui con una delle cose che mi da più gusto fare in ogni mio viaggio: entrare nei supermercati e guardare gli scaffali. Tra le scansie dei supermercati si può trovare l’ intera cultura del paese che stiamo visitando. Ci sono stranezze che non si possono non provare: a volte sono varianti di prodotti che anche noi usiamo quotidianamente. Magari no.

Due delle cose più buone che ho trovato dentro un Seven Eleven sono il latte ai semi di sesamo e il tè al crisantemo. I supermercati thai sono colmi di cose bizzarre da poter assaggiare.

Ecco alcuni dei prodotti che mi sono limitata a fotografare:

Patatine al gusto di alghe, o aragosta o pollo...

Snack e patatine al gusto di alghe, calamari o cioccolato…

Snack alle alghe

Rolling bite

Polpettine anemiche

Polpettine anemiche

10. Osservare, scrutare e sorridere

Su bus, skytrain e per la strada, c’è sempre qualcosa che cattura la mia attenzione. I miei soggetti preferiti, neanche a dirlo, sono le persone. Un’ infermiera che va al lavoro, una coppietta che si tiene per mano, il business man con la valigetta, la scolaretta in divisa, il venditore ambulante di scope che si carica la bicicletta di milioni di cose, quando io mi sento bravissima se riesco ad andare in bici tenendo con l’ altra mano l’ ombrello.
Sorridere vi verrà naturale, e il vostro sorriso sarà prontamente ricambiato.

No hawking on the skytrain, please!

No hawking, please!

Quotidianità sul bus nel centro di Bangkok

Annunci

8 pensieri su “Dieci cose da fare a Bangkok

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...