Thailandia. Koh Kham, l’ isola che non c’è.

Ci sono posti che una volta scoperti, ci fanno sentire tra i fortunati testimoni di uno spettacolo riservato a pochi.
Così mi sono sentita io la prima volta che ho messo piede su Koh Kham.

Koh Kham è un’ isoletta minuscola, poco più grande di un atollo ed è situata a circa un chilometro dalla più grande Koh Mak. Le due isole fanno entrambe parte del Parco Marino thailandese di Koh Chang, vicino al confine con la Cambogia. Di questa fetta di paradiso snobbata dal turismo degli escursionisti in giornata, non parla quasi nessuno. Io l’ ho conosciuta casualmente tramite un video su youtube, mentre cercavo maggiori informazioni sul mare di questa zona della Thailandia.

E chi legge i miei post oramai lo sa bene: sono proprio i posti come questo che cerco sempre!

Arrivando in barca su Koh Kham. | Just Read The World ©

Arrivando in barca su Koh Kham. | Just Read The World ©

Koh Kham è facilmente raggiungibile dalla costa nord di Koh Mak con soli dieci minuti di barca. Recandosi direttamente al Cococape Resort è possibile prenotare una barchetta che per 200 baht (quasi 5 euro) offre servizio di andata e ritorno per l’isola.

Nel costo della barca è compreso il biglietto di ingresso a Koh Kham che normalmente ha un prezzo di 100 baht e da diritto ad una bibita (una cosa trash c’era da aspettarsela, d’altro canto siamo pur sempre in Thailandia e la Thailandia ha un animo squisitamente trash! 😉 ). Se decidete di arrivare autonomamente, in kayak ad esempio, è probabile che vi venga richiesto di pagare l’ ingresso se volete usufruire di uno dei quattro sdrai disponibili sull’isola.

La cosa caratteristica di Koh Kham, che contribuisce a renderla uno spettacolo per gli occhi è il fondale basso e l’acqua che degrada dolcemente attorno al bagnasciuga, ottima condizione per fare anche un po’ di snorkelling. Non c’è alcuna barriera corallina nelle vicinanze dell’ isola, ma attorno agli scogli che affiorano a pelo d’ acqua si affollano tanti pesci colorati.

Fondale che degrada dolcemente e sabbia bianchissima. | Just Read The World ©

Fondale che degrada dolcemente e sabbia bianchissima. | Just Read The World ©

Probabilmente però la cosa migliore che offre quest’ isola, è la pacchia assoluta di stendersi a pancia all’ aria godendosi l’ acqua trasparente e calma come una piscina.

Ho letto da qualche parte che alcuni anni fa, Koh Kham è stata acquistata con lo scopo di trasformarla in una destinazione per un turismo di nicchia ed è iniziata la costruzione di un super resort di lusso. Attualmente la struttura è stata completata solamente al 70% e probabilmente per una mancanza di fondi, i lavori si sono arrestati. Così sull’ isola incombono i pezzi di quello che almeno secondo i progetti, avrebbe dovuto essere un resort da sogno. Nel frattempo su Koh Kham è rimasta una decina di lavoratori che si occupa di tenere curata l’ isola e di rastrellare la sua sabbia, rendendola fine e bianca come borotalco.

Ogni volta che la sera me ne andavo da Koh Kham per tornare a Koh Mak, avevo l’impressione di togliere il disturbo, lasciando l’ isola con i suoi custodi che finalmente potevano rimpossessarsi della loro oasi in totale tranquillità. Li immaginavo a godersi il tramondo avendo tutta l’ isola per loro: il mare, il rumore delle onde e la sensazione di essere lontani da tutto e da tutti, stile Cast Away.

Questa la parte dell' isola che preferivo. | Just Read The World ©

Questa la parte dell’ isola che preferivo. | Just Read The World ©

Koh Kham è sicuramente uno dei posti più magici in cui io sia stata. La prova che la natura riesce a creare dei capolavori che l’ uomo, per quanto possa sforzarsi, difficilmente riuscirà mai ad eguagliare. E strabuzzando gli occhi da una parte all’ altra, cercavo di catturare al meglio con la mia reflex lo spettacolo che mi circondava, per farlo mio e per poterci tornare con la mente ogni qualvolta ne sentissi il bisogno.

Questo qui sotto è il video che è venuto fuori. La musica di Einaudi era la colonna sonora che avevo in mente per queste immagini.

E sarebbe un peccato tenere tutta questa bellezza solo per me.

Annunci

5 pensieri su “Thailandia. Koh Kham, l’ isola che non c’è.

  1. E’ incredibile come certi ricordi resistano al tempo. Anche per questo è bello viaggiare, a distanza di anni …. sembra essere appena tornati.

    Mi piace

  2. Pingback: Koh Mak: il mio ricordo felice della Thailandia | Just Read The World

  3. Pingback: Koh Mak: il mio ricordo felice della Thailandia | Just Read The World

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...