Alice Austen House Museum: un angolo da scoprire a Staten Island

Esiste un posto, seminascosto sulle rive di Staten Island, dove il tempo sembra essersi fermato. Alice Austen House Museum è un angolo di storia adagiato sulle rive della New York Bay. E rimane nella mia memoria come l’ immagine della pace e della quiete.

Staten Island è uno dei distretti di New York velocemente raggiungibile via terra o via mare, con circa trenta minuti di ferry: il traghetto gratuito che parte ogni mezz’ora dal Terminal di Whitehall, in Lower Manhattan.

Non avevo molto tempo per visitare l’ isola quando mi ci sono recata e la passeggiata che percorre per chilometri la spiaggia di Staten Island era impraticabile a causa degli ingenti danni causati dall’ uragano Sandy. Per questo motivo ho deciso per un giro panoramico dell’ isola in bus ed una visita alla casa museo di una delle prime donne fotografe in America: Alice Austen.

Alice Austen nel giardino di casa, nel 1893.

Alice Austen nel giardino di casa, nel 1893.

Quello che ha contribuito a rendere speciale la scoperta di questo luogo, per me, è stata sicuramente la quiete che circonda la casa. Subito fuori da queste quattro mura, lo sguardo si perde sulla Baia di New York. Dall’ altra parte della riva, si staglia imponente lo skyline di Manhattan.  Nel giardino di Clear Comfort (è questo il nome che il nonno di Alice scelse per la casa), ci si sente paradossalmente lontanissimi dalla frenetica e chiassosa Grande Mela. L’ unico rumore che si ode è quello del fruscio delle foglie d’ edera spostate dagli scoiattoli che corrono nel verde.

Alice Austen House Museum

Alice Austen House Museum, Staten Island (New York)

Alice Austen House

La casa museo di Alice Austen

Questa casa dove la fotografa ha vissuto fino a poco prima della sua morte, avvenuta nel 1952, conserva quasi intatta una forte essenza e personalità, proprio come Alice che è stata una donna indipendente e fuori dagli schemi. La grande passione di questa donna per la fotografia si riflette in ogni angolo della casa, dove appesi alle pareti si trovano i migliori scatti di Alice.

Statua della Libertà (1890)

Statua della Libertà (1890) – Alice Austen

Alice Austen ha raccontanto la New York di fine ‘800 attraverso le sue 8.000 fotografie. Il soggetto preferito di Alice era proprio la sua amata città, che ha ritratto in ogni sfaccettatura: dai mercati di Lower Manhattan e la vita ordinaria che scorre lentamente, a Union Square, la Statua della Libertà e i flussi migratori su Liberty Island.

A Hansom cab at Union Square 1896

Union Square, New York (1896) – Alice Austen

Di lei oggi rimangono solo i suoi scatti e il posto dove ha vissuto, ma da queste due testimonianze è possibile farsi una chiara idea di chi fosse questa donna. Alice era una sovversiva, un’ icona dell’ indipendenza femminile: è stata la prima donna a possedere una macchina a Staten Island, oltre ad essere un’ abile giocatrice di tennis ed aver scelto di condurre una intera vita senza mai sposarsi. Ha condiviso 32 anni con Gertrude Tate, la sua compagna di vita, che ha vissuto insieme a lei a Clear Comfort.

Le due donne vissero insieme fino al 1945, quando la ormai anziana Alice, in seguito a difficoltà economiche si vide costretta a lasciare la casa, tramandatale dal nonno che la aveva acquistata nel 1690.  Solo dopo la sua morte, vennero ritrovate le migliaia di fotografie scattate durante la sua intera vita. Questo ritrovamento le conferì il merito di essere riconosciuta come una delle maggiori fotografe americane.

Clear Comfort fu in seguito ristrutturata con cura seguendo fedelmente gli scatti di Alice, in modo tale da poter costituire una diretta testimonianza di quella che fu la sua vita.

Clear Comfort adagiata sull' Hudson

Clear Comfort adagiata sull’ Hudson

Questo posto è uno dei ricordi di New York che ricordo con maggior affetto. La cura con cui è stato riportato in vita è davvero notevole: tutto a Clear Comfort sembra quasi suggerire che sia stata abitata fino al giorno prima.

Annunci

Un pensiero su “Alice Austen House Museum: un angolo da scoprire a Staten Island

  1. Pingback: 2013: l’ anno di New York (e non solo). | Just Read The World

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...